Recupero anni scolastici – Iscrizioni aperte a.s 2020-2021

1
Recupero anni scolastici – Iscrizioni aperte a.s 2020-2021

Recupero anni scolastici – Iscrizioni aperte a.s 2020-2021

Logo                                              Recupero anni scolastici: oggi non è un problema

 

Se ti manca il diploma o vuoi recuperare gli anni scolastici persi, rivolgiti al Centro Studi G.Parini, una scuola nata per accompagnarti nell’acquisizione di conoscenze e abilità, utili all’inserimento nella vita sociale e nel mondo del lavoro.

 Un metodo di insegnamento dinamico, docenti qualificati, competenze scientifiche, una didattica consolidata e il supporto per l’orientamento hanno permesso a centinaia di studenti di completare con successo il proprio percorso scolastico.

La scuola è costruita intorno a te, adattata alle tue esigenze e quindi perfetta per i giovani e per coloro che lavorano, offrendo la massima flessibilità.
Valorizzare il rendimento di ogni singolo studente è per Noi fondamentale ed è per questo che i nostri docenti, selezionati e competenti, sono attenti alle esigenze didattiche di ognuno e permettono il raggiungimento dei migliori risultati grazie a una programmazione personalizzata per obiettivi.

 

                                     Per iscrizione chiamare il 324.69.69.699 – 0521.57.39.63

                                                         info@centrostudiparini.it 

 

recupero anni scolastici centro studi parini parma istituto privato scuola privata2
Scuola, apertura a singhiozzo.

Scuola, apertura a singhiozzo. “Un istituto su quattro avrà problemi”

 

Dodici regioni mantengono l’avvio dell’anno scolastico per domani, ma nel Lazio un terzo dei plessi resterà chiuso e in Sicilia via solo alle superiori. In Emilia Romagna autorizzate le mascherine di stoffa. La Cisl: il 25 per cento parte senza certezze. La ministra Azzolina: “Piccole criticità”

di CORRADO ZUNINO

 

ROMA – La ministra Lucia Azzolina le chiama, da settimane, “piccole criticità”. La Cisl calcola: “Una scuola su quattro non partirà  normalmente”. Molti istituti scolastici italiani, semplicemente, non aprono. Sette regioni su venti rinviano l’avvio dell’anno scolastico 2020-2021 e anche nei territori in un cui la partenza legale è prevista per domani, lunedì 14 settembre, le piccole criticità sono montagne da scalare.

Dice l’assessore alla Scuola del LazioClaudio Di Berardino, in un’intervista pubblicata oggi su Repubblica: “Nella nostra Regione un istituto su tre non ce la fa e deve rimandare l’apertura, sedicimila studenti sono ancora senza un’aula”. In Sicilia, altra regione con il calendario fissato su lunedì, in verità aprono soltanto le scuole superiori. Per primarie e medie mancano sedie, banchi, docenti.

Delle sette regioni che hanno posticipato, la Campania è quella in maggiore difficoltà. Il presidente Vincenzo De Luca fa sapere: “Non so se riusciremo a farcela neppure per il 24 settembre”.

Ogni territorio ha a che fare con problemi simili e distinti. La Spezia in Liguria– nella città militare i contagi sono ancora alti – e Viterbo nel Lazio si sono arrese: partenza posticipata. La Flc Cgil sostiene che, per ora, sono arrivati 200.000 monobanchi dei 2,4 milioni previsti, che, comunque, il contratto del bando Arcuri si è impegnato a consegnare entro fine ottobre. Mancano anche le mascherine promesse gratis per studenti, professori e bidelli. I presidi di tutta Italia, a partire dal Lazio, lo ribadiscono, Domenico Arcuri assicura che entro domani tutti avranno scorte sufficienti per affrontare la prima settimana. L’Ufficio scolastico per l’Emilia Romagna ha autorizzato preventivamente l’utilizzo in classe delle protezioni di stoffa. A Bari il sindaco Antonio Decaro rivela: “I soldi per l’affitto di locali extra scolastici sono arrivati solo due giorni fa e sono pochi, 70 milioni per trecento richieste”.

Il capitolo supplenti è delicato ed emergenziale. Non si sono ancora chiuse le nomine attraverso il contestato sistema Gps. A Torino e a Milano, per esempio, e in quest’ultima città metropolitana i sindacati hanno chiesto formalmente al prefetto di occuparsi della questione. Restano vuoti preoccupanti sul sostegno. La mancanza di 250.000 cattedre di ruolo in tutta Italia – sarebbe un primato dell’era moderna se i numeri fossero confermati – rende la partenza un vero e proprio problema didattico.

 

Per tutto l’articolo clicca qui

classroom-2093745_960_720
Mascherine, ecco il verbale

Mascherine, ecco il verbale:gli alunni seduti in classe potranno toglierle

 

Alle elementari, con il metro di distanza, nessun dispositivo obbligatorio per chi è al banco. Alle medie e superiori dovranno essere messe solo nelle aree a “contagio alto”. Raccomandate le chirurgiche. Confermate le deroghe per le scuole che non possono rispettare la distanza: si parte indossando la protezione facciale

di CORRADO ZUNINO

 

OMA – L'”attenta riflessione” realizzata dal Comitato tecnico scientifico sulla scuola ha prodotto, lunedì scorso, il verbale numero 104, che dà indicazioni su quattro temi fondamentali: il distanziamento, l’igiene delle mani e degli ambienti, l’uso della mascherina, la capacità di controllo e risposta dei servizi sanitari.

Il punto di riferimento resta il metro di distanza tra le “rime buccali” degli alunni e i due metri tra i primi banchi e la cattedra degli insegnanti. Questa distanza deve mantenersi sia con gli alunni e i docenti seduti, sia che gli stessi attori si muovano.

LEGGI ANCHE Cts, online i verbali. Il 13 marzo: “Sul lavoro? Niente mascherine, non servono”

Sulla discussa, e centrale, questione della mascherina, il Cts ha provato a chiarire. La protezione “naso-bocca” è fondamentale nel corso degli spostamenti, quando “potrebbe non essere garantito il distanziamento”. Si conferma che laddove, come anticipato da Repubblica, non fosse possibile il distanziamento minimo tra i banchi, l’attività didattica potrà essere autorizzata a fronte dell’utilizzo della mascherina anche da seduti. Queste deroghe dovranno essere corrette al più presto: tutte le scuole rapidamente dovranno rispettare il metro di distanza in classe.

Nell’ultimo verbale, del 31 agosto scorso appunto, si ricordano le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità. Ovvero: tra i sei e gli undici anni l’uso della mascherina va tarato sulla situazione epidemiologica locale mentre, compiuti i dodici, possono valere le stesse regole emanate per gli adulti.

Riassumendo, e ricordando che in Italia la situazione del contagio è migliore che in gran parte degli altri Paesi (anche se in crescita da quattro settimane) e che gli undici milioni di mascherine saranno distribuite gratuitamente, il Cts offre queste indicazioni: nella scuola primaria (6-11 anni) la mascherina potrà essere rimossa “in condizione di staticità”, ovvero “bambini seduti al banco” con il rispetto della distanza di un metro e “l’assenza di situazioni che favoriscano l’aerosolizzazione”. Una di queste, è il canto.

Per le scuole secondarie (medie e superiori, dai 12 ai 19 anni) la mascherina potrà essere rimossa “in condizione di staticità”, in situazioni didattiche che non favoriscano il droplets (l’espulsione di particelle di saliva), ma – si aggiunge – tutto questo sarà possibile in condizioni di “bassa circolazione virale”. In alcune aree, in cui il contagio è ancora alto, si dovrà mantenere la mascherina in classe.

Il Cts è consapevole che, viste le esperienze straniere, “la riapertura delle scuole in Italia potrebbe procurare focolai di diverse dimensioni”. Per questo, è raccomandabile “l’utilizzo di dispositivi efficaci e standardizzati per lavoratori della scuola e studenti” quali “le mascherine chirurgiche di adeguato dimensionamento” messe a disposizione, d’altro canto, dagli stessi istituti.

Se cambieranno le condizioni epidemiologiche, si cambieranno le indicazioni.

 

Per tutto l’articolo clicca qui